Paolo Bernardi Quartet...Plays Aznavour
di Vittorio Lannutti

Paolo Bernardi Quartet
...Play Aznavour
Sifare Edizioni Musicali
www.paolobernardi.it

E' un musicista controcorrente Bernardi: se in genere accade nei lavori d'esordio di omaggiare con cover i propri punti di riferimento il jazzista romano, invece, vede bene di dedicare ad uno dei musicisti a cui deve di più non l'opera prima bensì il suo secondo lavoro.
Il fascino che Aznavour ha esercitato su Bernardi è indubbiamente dovuto allo smisurato eclettismo dell'artista franco-armeno, che nella sua carriera è stato in grado di spaziare dal bolero al tango, dallo swing al pop, fino alla romanza da camera.
Tuttavia, Bernardi rilegge tutti i brani dello chansonnier in chiave esclusivamente jazz: un jazz convenzionale, sì, da club, e che sta perfettamente in canoni precostituiti con il pianoforte sempre in primo piano, ma dall'indubbia capacità seduttiva.
Nei dodici brani in scaletta il jazzista capitolino ha inserito anche due tracce scritte da lui, si tratta di Autoritratto, messa in coda a Hier encore, e Mon ami che chiude il disco.
Da regalare ad occhi chiusi per il Natale in arrivo.

Tracklist
1. She
2. Que c'est triste Venice
3. L'amour c'est comme un jour
4. Hier encore/Autoritratto
5. Ca passe
6. La bohéme
7. Le cabotin
8. Mourir d'aimer
9. Les plaisirs demodes
10. Et moi dans mon coin
11. Medley: Les bons moments/Comme des roses
12. Mon ami

Formazione
Paolo Bernardi: pianoforte, arrangiamenti, musiche
Piercarlo Salvia: sax alto, clarinetto
Francesco De Palma: contrabbasso
Pietro Fumagalli: batteria


Pubblicato il 27/11/2013