Piet Mondrian
Purgatorio
di Paolo Bartaletti

copertina

Diciamolo chiaramente, l’idea è sorprendentemente coraggiosa e, a priori, foriera di non poche perplessità: mettere in musica rock il Purgatorio dantesco! Ebbene, l’operazione può dirsi perfettamente riuscita dal momento che con la loro musica minimalista, le loro soffici incursioni elettroniche, la loro ispirata vena creativa, la loro spiccata ironia, i toscani riescono a far centro su un terreno a dir poco spinoso, centrando a pieno una canzone per ogni peccato capitale (che poi tanto peccati, spesso, non lo sono…) e non dimenticando Antipurgatorio e Paradiso Terrestre. E poi Michele Baldini ha una voce stupenda, probabilmente una delle più suggestive dell’intero panorama odierno, paragonabile per intensità emotiva a quella di Francesco Bianconi, e che trova nel contraltare femminile di Caterina Polidori ed Eva Bianca Dal Canto l’ideale stampella verso…il paradiso. Piacevolissima sorpresa.


Pubblicato il 07/11/2011



Inserisci il tuo commento

Nome:


Commento:




Ancora nessun commento