Fabio Balzano
Rabbia Rosa
di Paolo Bartaletti

copertina

Una nuova uscita torna a farci parlare nuovamente di Rosa Balistreri, la grande folk-singer siciliana, con un tributo alle sue canzoni da parte del cantautore fiorentino Fabio Balzano, che si circonda di valenti strumentisti per celebrare sette brani dell’artista in forma folk-rock; e la testimonianza è tanto più suggestiva se si tiene a mente dei rapporti di parentela, e vita in comune per un certo periodo, tra i familiari di Fabio e la straordinaria cantante che lo stesso dichiara di aver cominciato a conoscere e cantare dopo aver sperimentato percorsi radicalmente diversi.
Non molto tempo fa avevo avuto modo di commentare su queste pagine l’eccellente lavoro dei Milagro Acustico, che aveva mantenuto la voce originale di Rosa, innestando un nuovo arrangiamento di strumenti etnici tipici della cultura mediterranea a sostituire gli originali, scarni e spesso affidati alla semplice chitarra, con il risultato di produrre un qualcosa di unico, meraviglioso; un vero e proprio miracolo acustico (traducendo il nome del progetto).
Il lavoro di Balzano è invece completamente diverso; le canzoni, tutte del repertorio della Balistreri, sono cantate da lui e sono accompagnate da un suono moderno, con strumenti più consueti (anche la chitarra elettrica), a dimostrazione che non si tratta certo di una operazione nostalgica, ma di un tentativo di attualizzazione di quel prodotto. Fabio canta bene e mette passione nell’esecuzione, ma il tutto sembra un po’ forzato. La “Rabbia Rosa” a tratti si percepisce, ma spesso no, come in Pirati a Palermu, dove quella che doveva essere rabbia (e in Rosa lo è) per tutte le violenze che il popolo siciliano ha subito (dai pirati saraceni alla mafia) si stempera e si smorza quasi in toni lirici.
Speriamo comunque che anche questo lavoro, come il precedente appena citato, possa spingere qualcuno a recuperare l’ascolto del repertorio di Rosa e delle sue interpretazioni, ma dati i tempi non mi faccio sinceramente troppe illusioni.


Pubblicato il 15/04/2018