Novembre + Sadist
di Davide Cosentino

LIVE - Trezzo sull’Adda (MI)
Venerdì 29 Aprile 2016

Appuntamento imperdibile per gli amanti del metal: a calcare il palcoscenico del LIVE di Trezzo sull’Adda nientemeno che Novembre e Sadist. Freschi di uscita discografica i primi (URSA, 2016), un po’ meno i secondi (Hyaena, 2015). Alle 22.30 si alza il sipario (è nota la puntualità della venue a cavallo tra le province di Milano e Bergamo) e la band genovese capitanata dal selvaggio Trevor non ha affatto bisogno di scaldarsi. Si succedono quindi Pachycrocuta, Bouki e The lonely mountain che confermano la cifra ultratecnica di Tommy Talamanca ed Andy Marchini, il primo nel suo classico controllo simultaneo di chitarra e tastiera, il secondo macinando grooves col suo fretless 6 corde. Ed è impressionante la fedeltà di esecuzione di questo set che continua con i classici Tribe e Season in silence. Trevor si conferma “iena” da palco come dimostrano le conclusive Scavenger and thief e Sometimes they come back. Una bella conferma, oltre alla certezza che il metal italiano spara poche cartucce, ma di qualità.


Tra gli applausi è l’ora dei Novembre. Affiancato dal prode Massimiliano Pagliuso, Carmelo Orlando recluta Giuseppe e Carlo Ferilli (Silvered), oltre al navigato bassista Fabio Fraschini (Desecration, Degenerhate, Zero Assoluto), per portare in tour il nuovo album targato ancora Peaceville Records. Si parte con Australis, a cui seguono brani del passato recente e remoto, come Anemia, Trieste italiana, Everasia/Come Pierrot. Ancora da URSA, Umana, Oceans of afternoons e la bellissima Annoluce. Immancabile Nostalgiaplatz, per chiudere poi con Child of the twilight e la seminale The dream of the Old Boats dal debut album Wish I could dream it again / Dreams d’azur.
Il pubblico reagisce bene ed è abbastanza caldo, dimostrando di aver già apprezzato il full length che ha segnato il ritorno della formazione capitolina; le prossime date perfezioneranno la coesione tra i musicisti in previsione del prossimo tour europeo e dei festival estivi. Per l’Unione delle Repubbliche Socialiste Animali.


Pubblicato il 15/05/2016