Sugarpie & The Candymen - Swing'n'Roll
di Marco Valugani

Sugarpie & The Candymen
Swing'n'Roll
IRMA Records


Sugarpie & The Candymen, una cantante, due chitarristi, contrabbassista e batterista, vengono da Cremona e dintorni e sono stati - non soltanto per me - una rivelazione dell'estate 2011: inseriti all'ultimo momento nell'elenco del Jazz festival di Ascona (Jazzascona 2011), sono riusciti, con la bontà dei loro concerti a conquistarsi l'affetto di tutti, al punto da guadagnarsi il Premio del pubblico, un riconoscimento tributato dagli spettatori, mediante un sistema di cartoline e urne.
Lo si intuisce dal titolo del disco, la loro musica è fortemente permeata di swing e confinante col rock'n'roll; il materiale tematico, l'ispirazione arriva dalle più disparate influenze e convivono in scaletta brani dal repertorio dei Led Zeppelin, Guns&Roses, Van Halen, insieme a pezzi originali del gruppo (basterebbe il gioiellino “All you have to do is cry”) ed il tormentone “Lemon tree”…Eclettici è l'aggettivo più frequentemente usato per descriverli.
Se questo non bastasse, i nostri cinque si divertono a fabbricare e proporre una gustosa parodia di un vecchissimo brano di musica leggera (“Casetta in Canada” di G.Latilla). Il punto di forza del cd è lo swing vocale in trio: il canto di Sugarpie ( al secolo Georgia Ciavatta) viene affiancato dalle armonie vocali dei due chitarristi Jacopo Delfini e Renato Podestà. La memoria va ai grandi gruppi vocali (femminili o misti) dagli anni '30, come le Boswell Sisters fino a quelli di oggi come i Manhattan Transfer, passando per il trio Lescano, il quartetto Cetra, Lambert, Hendriks & Ross e le italiane Boop Sisters, che, guarda caso, qualche anno fa furono ospiti proprio allo stesso festival in Svizzera.
Nei momenti strumentali, il gruppo è vicino al lavoro di Django Reinhardt con l'Hot Club de France - bravissimi i due chitarristi a complementarsi a vicenda, nelle timbriche e nello stile - tutto scorre in modo fluido e piacevole, con grande gusto ed intelligenza.
Sugarpie/Georgia è una front-woman elegante, brava a prendere per mano il pubblico ed a portalo nel gioco del gruppo, senza strafare. Nota di merito anche per la sezione ritmica: Alex Carreri al contrabbasso e Roberto Lupo alla batteria e percussioni e occasionale vocalist. A dire il vero i due costituiscono più di una semplice base ritmica.
Detto che fra gli ospiti del cd spicca quel Mattia Cigalini, giovanissimo altoista hardbop, che in poco tempo è diventato beniamino di pubblico e critica, ricordo che non è frequente trovare tanto da godere in un solo cd; se mi passate il paragone irriverente, un po’ come avviene col maiale, non se ne butta niente...
Adesso siete avvisati: se cercate buona musica e/o divertimento intelligente,swing e humour, qui c'è pane per i vostri denti.


Tracklist

1.Black and white movie
2.Maybe I hate maybe I love
3.Tell me boy
4.Bonnie and Clyde blues
5.Aveva una casetta
6.All you have to do is cry
7.Was that me?
8.Time of the season
9.Hot for teacher
10.Lemon tree
11.Paradise city
12.Rock and roll/Heartbreaker
13.Whole lotta love
14.Can’t get you ouy of my mind

Durata:00:46:54

Formazione:
Sugar Pie = Georgia Ciavatta /Lead vocals
Jacopo Delfini /gipsy guitar,vocals
Renato Podestà/electric guitar,banjo,kazoo,piano,percussion,vocals
Alex Carceri/double bass
Roberto Lupo/drums,percussion,vocals

Ospiti:
Gianni Azzali /tenor sax and flute on # 1 and 8
Mattia Cigalini /alto sax on # 1 and 9
Gianni Satta / trumpet on # 1,2 and 5
Dean Zucchero / electric bass on # 11,12 and 13

Contatti: thecandymen@gmail.com
Sito web: www.myspace.com/thesugarpiethecandyman


Pubblicato il 09/10/2011