Grandi Insegne Il Grande Allibratore
Ad Oggi Mancano
di Vittorio Lannutti

copertina

Dietro questo intrigante nome si cela il cantautore Nicola Cancellieri, a oggi una delle poche rilevazioni di questo 2018. Per quanto sia raro farsi affascinare al primo colpo dalle novità, dopo ben oltre trentacinque anni di ascolti musicali, devo confessare che questo disco è riuscito a riverberarmi le stesse vibrazioni dispensatemi dal primo lavoro de Le Luci Della Centrale Elettrica. E peraltro proprio Vasco Brondi è uno dei cantautori cui si può accostare Cancellieri, insieme a tanti altri più o meno "regolari", quali Edda, Giorgio Canali e Rino Gaetano.
Le sonorità, invece, travalicano provvidenzialmente le canoniche partiture pop-rock dipanandosi su registri oltremodo variegati: Ad Oggi Mancano, infatti, oltre a incedere in modo deciso e ritmato può vantare aperture vicine a certi brani articolati dei GodSpeed You! Black Emperor, mentre in episodi come Neve ci ritroviamo addirittura dalle parti di un emocore che non ha nulla da invidiare ai Fine Before You Came (giusto per citare un altro riferimento segnante).
Tra i testi spiccano indubbiamente il cinismo di Al campo santo e la sfrontatezza di Rossella, per quanto comunque anche tutti gli altri episodi del lotto procedano liricamente quasi sempre al di fuori dei binari.


Pubblicato il 20/09/2018