Pentothal
Super Cinico Club
di Monica Zinutti

copertina

Super Cinico Club è l’EP d’esordio del duo palermitano Pentothal, composto da Giuseppe Parlavecchio ed Enrico Piraino. Il lavoro si apre con Serotonina, un brano delicato dalle morbide sonorità elettroniche che via via cambia pelle incalzando verso una parte più ritmata, per poi ritornare nuovamente a un sound soave: dopo qualche attento ascolto si rivela sicuramente il pezzo più incisivo tra i cinque del lotto, o quantomeno quello che rimane maggiormente nella memoria.
In Truffaut - primo singolo scelto dalla band - il sound ritmico e ripetitivo del synth, che accompagna il brano fino alla fine, è sostenuto da una batteria elettronica altrettanto ritmata, creando un risultato dance/pop oltremodo accattivante e coinvolgente.
Con la terza traccia, Villa Borghese, si fa un gran balzo passando dal pop a un moderno hip hop decisamente al passo coi tempi. Le parole sono ben scandite, chiare e incisive, tanto da indurre a canticchiare anche l’ascoltatore più refrattario, compresa la frase di chiusura: "sai che ora non so più dove andare, il mio punto cardinale, quello che ora non ho più!".
I due brani La realtà e Marte chiudono egregiamente l’ascolto di questo debutto con un sound piuttosto diverso rispetto a quello delle altre tracce, palesemente più orientato verso sonorità indie.
Dunque, come si suol dire, "buona la prima": vuoi per gli arrangiamenti vuoi per la scrittura delle canzoni.


Pubblicato il 29/11/2018