Michele Bitossi
A Noi Due
di Vittorio Lannutti

copertina

A noi due è il terzo album di Michele Bitossi, ma il primo firmato a proprio nome, dopo Il problema di girarsi e Irrequieto, pubblicati con il nickname Mezzala.
Il cantautore genovese, che ha alle spalle la leadership di due gruppi importanti dell’indie italiano (Laghisecchi e Numero 6), si è fatto produrre a questo giro da Ivan A. Rossi nel confezionamento un frivolo pop elettronico, con rime baciate e perfetto per mettere un po’ il cervello in folle.
Sullo spiedino dieci brani molto catchy per chi non ha la pretesa - o la voglia - di ascoltare musica concettuale o particolarmente impegnata, per abbandonarsi più semplicemente a un po’ di sana musica decongestionante, quella fatta fondamentalmente di canzoni, nell’accezione più conciliante e tradizionale del termine. I testi, mai ricercati, orbitano più o meno tutti intorno all’amore, con qualche passaggio interessante (Fino a domani, L’amore è un’altra cosa) e qualche inciampo laddove i tappeti sonori si fanno eccessivamente melodiosi, le rime un tantino scontate e i cori oltremodo estivi.


Pubblicato il 22/11/2019