Meganoidi
Mescla
di Vittorio Lannutti

copertina

In più di vent’anni ne hanno fatta di strada i Meganaoidi. E questo disco, il settimo per il combo Genovese (scritto proprio durante la precedente tournée), ne è la palese dimostrazione. Mescla si compone di dieci brani suonati con mestiere che girano intorno a un funky-rock piacevolmente contaminato.
Scritto da Luca Guercio (trombettista e chitarrista della band) assieme a Davide di Muzio (cantante) Mescla parte con l’unico brano in cui le chitarre affondano duro, vale a dire quel Ora è calmo il mare in cui si omaggia la follia intesa come via di fuga per uscire dall’ordinario. A seguire Condizione, che forse paga dazio ai Subsonica della seconda metà degli anni ’90, e poi via via fino alla title-track che si adagia su un rassicurante pop-rock.
Se con Toast e champagne e Persone nuove si respira un po’ di sana malinconia è grazie a Il mio nome che la miscela funky-rock di Di Muzio & Soci deflagra al suo meglio.
Nulla da dire. Una tonificante riconferma.


Pubblicato il 06/03/2020