Regina Mab
Palle da tennis
di Vittorio Lannutti

copertina

I Regina Mab, con già alle spalle tre dischi, diverse partecipazioni a compilation e aperture di concerti a gruppi come Quintorigo, Moltheni, Cesare Basile e molti altri, pur se non ancora conosciuti dal grande pubblico, continuano a lavorare con grande professionalità nell’underground, proponendo prodotti di ottima qualità. Per quest’ultima fatica i cinque veronesi hanno appeso momentaneamente al chiodo le chitarre elettriche per uno spettacolo di reading, tutto rigorosamente in acustico. I Regina Mab per l’occasione hanno voluto omaggiare non solo il tennis ma in particolare i personaggi che ne sono stati protagonisti durante gli anni ’20 e ’30 del ‘900, i relativi ambienti e di riflesso anche la società dell’epoca.
Sicuramente anche coloro che non sono appassionati di questo sport si lasceranno affascinare da questi brani, grazie all’ottima verve didascalica del cantante Franco Mancini, capace di offrire all’ascoltatore, con pochi spunti descrittivi, l’ambientazione, le fatiche, le frustrazioni ed i sogni di gloria di quei gloriosi atleti.
Musicalmente ci troviamo dalle parti di un folk acustico, a volte con spunti di tango, con omaggi sparsi a Trenet, Gershwin e Tom Waits.
Lo spettacolo è stato diviso in due parti, pardon in due set, rispettivamente di sette e cinque brani. Buona partita a tutti.


Pubblicato il 15/12/2007